Il pane e la nostra salute

Pane bianco o pane scuro?

“Un cane alimentato a pane bianco puro ed acqua non vive più di 50 giorni; un cane invece alimentato a pane ordinario di munizione, vive e si mantiene sano”.
L’11 marzo 1826, il periodico londinese Lancet così comunicava ai lettori di un esperimento condotto per dimostrare la superiorità del pane integrale su quello di farina raffinata. La polemica fra i sostenitori del pane bianco e quelli del nero aveva raggiunto il suo apice, dopo secoli in cui il primo aveva relegato il secondo nel triste ruolo di cibo per poveri. Già presso i Greci e i Romani il pane bianco era simbolo di benessere. Allo stesso modo si proseguì nei secoli successivi: rozze forme scure per la plebe, candidi panini per i signori, per i quali questo cibo era solo il complemento di altre pietanze. Nel XVIII secolo, in Inghilterra, grazie alla meccanizzazione, avvenne un rivoluzionario cambiamento: i grandi mulini  e le moderne macine misero tutti in grado di approvvigionarsi con poche monete dell’agognata farina bianca. Ovviamente per motivi di riscossa sociale la gente volle subito solo pane raffinato. Agli inizi del XIX secolo, fisiologi e scienziati cercarono di dimostrare il valore superiore del pane integrale. Da allora la polemica non si è più chiusa, facendo perdere ai due tipi di pane le loro storiche caratteristiche di classe.

Mangiare il pane: fa bene?

Ricco com’è di carboidrati – sono quasi i tre quarti della sua composizione chimica – il pane rappresenta una grossa fonte di calorie. Contiene anche una notevole dose di proteine vegetali: un etto ne fornisce più di un quarto del nostro fabbisogno giornaliero. Solo la carne è per il nostro corpo una maggiore fonte di proteine: ma se la funzione di quelle animali e di quelle vegetali è identica, certo le prime costano molto più delle seconde. Tra i glucidi l’amido è quello contenuto in maggiore quantità, ma sono presenti anche le destrine, il glucosio e il maltosio, che danno al pane la fragranza.
Sul piano dietetico, c’è chi sostiene l’inutilità dei carboidrati e quindi del pane: ma, a parte il loro insostituibile apporto al favorevole compiersi del metabolismo, non si capisce come si possa dire equilibrato un regime alimentare privo di questi elementi. Nel pane sono presenti inoltre vari grassi, soprattutto in quello integrale, essenziali per l’equilibrio nutritivo. Si tratta di oli pregiati ad alto tasso di acido linoleico, fra i quali la lecitina, uno dei principali nemici del colesterolo. I pregiudizi intorno al pane sono ancora molti: si dice che fa ingrassare, provoca bruciori di stomaco, origina fermentazioni intestinali, ma nulla comprova queste affermazioni. Se qualcuno avesse ancora dei dubbi, ricordi l’insegnamento di Ippocrate; “ciò che ingrassa è l’eccessivo uso di un alimento e l’introduzione in eccesso di calorie al di sopra della richiesta giornaliera, da qualsiasi cibo queste provengano”. Semplice ed inoppugnabile.

Chi siamo

la nostra azienda lavora all’insegna della tipicità, genuinità e continuità al servizio della nostra clientela, fornendo non solo un servizio di vendita e produzione quotidiane, ma anche ordinazioni per occasioni speciali e cerimonie.

Contatti

  • Faffa Il Fornaio dal 1851 s.a.s. di Faffa Valentina & C.
  • Via Gramsci, 9/11
    06135 Ponte Valleceppi, Perugia

  • (+39) 075.6920122

  • info@faffailfornaio.it

    Facebook

    1 day ago

    Faffa dal 1851 Il Fornaio

    Bianca e rossa come i #colori del nostro #cuore
    Blu come il nostro #lagotrasimeno
    Verde come le nostre #valli
    Giallo come il nostro #grano, ingrediente primo del re della tavola: il #pane
    La #ciaramicola : #patrimonio umbro ❤️🇮🇹

    #faffa #ilfornaio #bakery #perugia #fornoalegna #tradizioni #storia #qualità #umbria #FoodIdentity #foodphotography #foodstagram #happiness #healthyfood #staytuned
    ... See MoreSee Less

    Grazie Leonardo Belardi 😍 ... See MoreSee Less

    1 week ago

    Faffa dal 1851 Il Fornaio

    La nostra #identità è il PANE: di grano macinato a pietra, impastato a mano e cotto nel nostro storico forno a legna. Fedele alla sua semplice natura, senza segreti; con la certezza di sfornare ogni giorno un cibo autentico. E accanto al nostro pane trovano posto sulla tavola le ricette semplici della tradizione popolare portatrici di storia e genuinità

    #faffa #ilfornaio #bakery #perugia #pane #pain #bread #sourdoughbread #sourdough #impasto #impastoamano #farina #farinaintegrale #Verna #greenlife #sostenibilità #filieracorta #tradition #history #quality #umbria
    ... See MoreSee Less

    2 weeks ago

    Faffa dal 1851 Il Fornaio

    #martedigrasso...i nostri dolci di carnevale ti aspettano per essere gustati come più ti piacciono #miele #alchermes #cioccolato #vaniglia 🤩
    #mangiasano ➡️ la nostra #frittura viene fatta solo con olio di semi di arachide ed esclusivamente in padella cambiando l’olio molto spesso per permettere un’adeguata e sana doratura, tuffando l’impasto nell’olio senza farne assorbire una sola goccia!

    #faffa #ilfornaio #bakery #perugia #tradizioni #storia #qualità #carnevale #strufoli #frappe #brighelle #foodporn #foodphotography #foodgram #foodblogger #umbria
    ... See MoreSee Less

    2 weeks ago

    Faffa dal 1851 Il Fornaio

    #martedigrasso #falòdicarnevale #lememoriedellanonna

    La nostra #nonna , grande #custode della #tradizionecontadina , raccontava che la sera del martedì grasso venivano accesi dei gran #falò nei campi vicini dove durante tutto l’inverno, i contadini avevano accumulato paglia e rami delle ultime potature. La tradizione voleva, infatti, che bruciando i rami delle potature potessero essere scongiurate le gelate di primavera sulle piante.
    Il falò dava l’addio all’ #inverno e il benvenuto alla #primavera . Il fuoco aveva il compito di eliminare ogni malattia dalle sementi nascoste sotto terra e augurare raccolti abbondanti. 
    I ragazzi e le ragazze andavano di casa in casa a chiedere ai loro vicini salsicce, costarelle e lonza fresche di fattura (l’uccisione del maiale avveniva infatti nei primi mesi dell’anno e nella cultura contadina era un vero e proprio rito), per festeggiare il Carnevale! Tutti intorno al gran fuoco, cuocevano quel che erano riusciti a farsi regalare concludendo la festosa cena con gli strufoli fritti, neanche a dirlo, nello strutto!
    Ricordi che oggi sembrano assai lontani e che la facevano ancora emozionare per il ricordo di tanta allegria e speranza nel futuro...malgrado tutto ❤️

    #martedigrasso #faffa #ilfornaio #perugia #tradizioni #storia #qualità #strufoli #brighelle #frappe #carnevale #foodporn #umbria
    ... See MoreSee Less

    Invia un messaggio

    Dichiaro di aver preso visione dell'informativa sulla privacy
    Si autorizza al trattamento dei dati personali. Regolamento UE 2016/679 (“GDPR”)